Home Varie Penne dall’impugnatura comoda, antistress

Penne dall’impugnatura comoda, antistress

62
0

Le Penne che non ci stancano

Che succede alla nostra mano quando scriviamo per ore, in ufficio, in un’aula di scuola, oppure a casa? La tensione dello sforzo prolungato si concentra sull’indice, medio, pollice e anche sul polso. Prendiamo come esempio una Staedtler comune dalla forma esagonale che costituisce l’impugnatura. Avete mai provato a scrivere per un paio d’ore con questa penna? La mano non ne esce immune dallo sforzo. StaedtlerQuesto perché l’impugnatura è scomoda e il tratto è rigido, cioè bisogna calcare la mano per scrivere, niente da togliere alla qualità del tratto, che resta buona, o alla durata della penna, che è lunga, però non si può certo dire comoda.

biro_bicStessa cosa per le vecchie penne a biro BIC, qualità del tratto discreta ma rigida e impugnatura esagonale scomoda. Queste penne sono in commercio da moltissimi anni, sono economiche, le troviamo un po’ ovunque negli uffici, ma neppure queste vantano la comodità nell’uso prolungato. E a differenza delle Staedtler durano molto meno.

Le penne stilografiche che utilizzavano soprattutto i nostri nonni avevano un’impugnatura decisamente più comoda, tonda, e un tratto molto leggero, anche se il resto del processo legato alla scrittura richiedeva maggiore macchinosità tra inchiostri, tamponi e qualche macchia di troppo.  Si utilizzano tutt’oggi e restano uniche per quanto riguardapenna-stilografica l’eleganza, anche quelle moderne a cartucce. Sono spesso un ottimo regalo, se conosciamo un appassionato di stilografiche ma se dobbiamo scrivere a lungo forse non sono l’opzione migliore da scegliere.

Le FlexGrip Elite, della Papermate, sono invece delle ottime penne se cerchiamo la comodità. Prendiamo in esame il modello FlexGrip Elite 1.4, sono penne leggere, dall’impugnatura comoda e dal tratto morbido. flexgrip-elite-1.4Le uniche pecche sono la durata dell’inchiostro interno, non lunghissima se scrivete molto e qualche piccola macchia di inchiostro che può lasciare la penna durante la scrittura. Però certo non vi stancherete mai di usarle. Il grosso vantaggio di queste penne sta nel fatto che non c’è bisogno di calcare la mano, e soprattutto non si seccano alla punta se per un giorno non vengono usate, avete presente quando prima di scrivere bisogna scarabocchiare a lungo per “risvegliare” la punta di una penna? Con queste non ce n’é bisogno.

Un altro tipo di penna dal tratto gentile, più sottile di quella precedente (FlexGrip elite 1.4) e dall’impugnatura abbastanza comoda è la Pentel BK77 Superb, una penna a sfera eccezionale, per scritture veloci e senza alcun tipo di macchia.

bk77

Lascia un commento se vuoi