Home Varie Assorbenti esterni e interni, evitare irritazioni e ansie

Assorbenti esterni e interni, evitare irritazioni e ansie

48
1

Assorbenti interni o esterni? Cotone, cellulosa, viscosa.

Soprattutto se si cerca la comodità e la tranquillità, senza il timore di sporcarsi così da un momento all’altro, è necessario scegliere una tipologia di assorbenti in base alle preferenze/necessità personali e al grado di sensibilità, possibile causa di irritazioni, meglio non affidarsi ai “sentito dire”. Per scegliere una tipologia di assorbente più idonea alle esigenze personali si possono fare anche dei test, provandone diversi. L’importante è partire con alcuni criteri base:

[poll id=”12″]
  • Flusso regolare (assorbenti normali),  flusso abbondante (assorbenti più lunghi)
  • Gli assorbenti interni sono invasivi, alcune donne non li tollerano
  • Se si è allergici o si ha la pelle particolarmente sensibile, meglio scegliere il cotone

Istintivamente verrebbe da pensare che gli assorbenti esterni siano più sicuri, ed in effetti è così. La possibilità di prendersi un’irritazione o un infezione è maggiore utilizzando gli assorbenti interni. Questo per via del modo in cui vengono inseriti, bisogna sempre ricordare di lavarsi bene le mani prima di applicarli, e poi si rischia spesso di incorrere nella TSS (Sindrome da Shock Tossico causata dalle tossine prodotte dal batterio Staphylococcus aureus), un’infezione batterica abbastanza grave dovuta alla permanenza forzata del flusso mestruale (trattenuto all’interno dall’assorbente). Se si preferiscono gli assorbenti interni è buona regola usarli sempre con le mani pulite e cambiarli spesso, non tenerli per molte ore di seguito.

Con gli assorbenti esterni non ci sono rischi dovuti alla TSS, però, se siete particolarmente sensibili a materiali sintetici, sarebbe meglio scegliere assorbenti rivestiti o completamente di cotone, che è al 99% anallergico.

Per essere certi di non sporcarsi fare delle prove, se scegliete un assorbente interno per la prima volta, provatelo in concomitanza con uno esterno, in modo da non avere sorprese sgradite. Se avete un flusso abbondante, meglio scegliere assorbenti provvisti di ali protettive per gli slip, quelli anatomici solitamente non riescono a contenere al 100% il flusso dei primi 2-3 giorni, stessa cosa vale per la notte.

Cosa è preferibile mangiare durante il ciclo: frutta, verdura, alimenti ricchi di ferro, cereali e riso, alimenti ricchi di proteine (carni magre), pesce azzurro.
Cosa è meglio non mangiare durante e nei giorni che precedono il ciclo: evitare latte e latticini, evitare di eccedere nei grassi e con i cibi salati. Questo per limitare i sintomi della Pms e i dolori del ciclo in generale.

Siamo in estate, come si fa al mare o in piscina quando il ciclo si incrocia con le vacanze? Forse gli assorbenti interni potrebbero risolvere il problema però non conviene affidarsi solo a questi per proteggere il costume, dopo essere entrati in contatto con l’acqua quelli interni possono tradire, magari è proprio il costume che può venire in soccorso, in quei giorni meglio utilizzare dei costumi più “discreti”, in modo che anche un assorbente esterno può fare il suo lavoro senza essere visto. Si sconsiglia tuttavia di fare il bagno nei giorni di flusso abbondante.

1
Lascia un commento se vuoi

1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
più nuovi più vecchi più votati
Gioia19

Ciao a tutte!
Per l’appunto, io sono contraria agli assorbenti interni al mare e in piscina, proprio perchè essendo interni assorbono e trattengono non poca acqua, che non è pulitissima (immaginate poi a tenerselo zuppo di acqua per molto tempo) e poi rischiano di scivolare e neanche questa è una bella cosa XD

Buona estate! 🙂