Home Anime e Manga Film d’animazione giapponese per Natale, anime movies

Film d’animazione giapponese per Natale, anime movies

82
0

Anime adatti in tema Natalizio

Ogni Natale esce qualcosa di nuovo al cinema, a volte però bisogna andare a cercare nelle videoteche del passato per trovare alcuni piccoli capolavori dell’animazione giapponese che tutt’oggi rimangono delle vere chicche per gli appassionati. Sotto ne ho citati solo alcuni per mancanza di spazio, toccano un po’ tutti i generi cinematografici, se volete darci un’occhiata e se avete altri suggerimenti i commenti sono a vostra disposizione.

Princess Mononoke

mononoke
Autore: Hayao Miyazaki
Genere: Fantasy
Anno: 1997
Durata: 133 min
Visione consigliata: Bambini con adulti

Trama da mymovies.it

Ashitaka, un giovane guerriero della dinastia Emishi, è costretto ad uccidere un cinghiale-demone diventato pazzo a causa di una ferita di arma da fuoco. Ferito dall’animale, il giovane deve lasciare il suo villaggio per evitare ai compaesani la maledizione del Demone e,a causa dell’avvelenamento ricevuto, è destinato ad una morte certa. Durante il suo viaggio si imbatte nella giovane San, allevata dai lupi e chiamata Principessa Mononoke,e nei suoi nemici umani, guidati da Lady Eboshi, volitiva leader di un villaggio che basa la sua esistenza sulla fabbricazioni di armi da fuoco, la quale ha come obiettivo la distruzione delle foreste abitate dai lupi e dagli altri animali cari a San. E’ chiaro che non si è di fronte ad una semplice favola di stampo disneyano : Princess Mononoke è una storia di valori, di magia, di crescita. E’ una rappresentazione a volte crudemente realistica, tuttavia ricca di quella filosofia e poesia tipiche del popolo del Sol Levante. Mononoke è il film della svolta per Miyazaki: nonostante molti temi trattati siano usuali nella sua cinematografia, come l’attenzione all’ambiente, le difficoltà dell’uomo in un epoca di cambiamenti, il rapporto tra progresso e natura e il ruolo centrale che hanno nella storia i personaggi femminili, Mononoke colpisce per la crudezza di alcune situazioni e per il generale pessimismo che promana dal film. Lontano anni luce dal Giappone ipertecnologico e caratterizzato dalle stramberie che fanno sorridere (a torto) gli occidentali, il sol levante di Miyhazaki è un luogo pregno di spiritualità che è sempre messa a rischio dai gesti degli uomini. Mononoke è stato un film storico anche dal punto di vista commerciale: ha incassato l’equivalente di 150 milioni di dollari nel solo Giappone ed ha riscontrato un buon successo di pubblico e critica anche negli Stati Uniti. Caso unico, è stato anche distribuito in Italia, dove ahimè, il doppiaggio ha stravolto la parte finale del film facendolo apparire molto più buonista e felice di quanto non sia in realtà.

Metropolis

metropolis
Autore: Rin Taro
Genere: Fantasy, Fantascienza
Anno: 2002
Durata: 109 min
Visione consigliata: Bambini con adulti

Trama da mymovies.it

Sì, avete letto bene. Il titolo è quello dell’omonimo capolavoro di Fritz Lang ma il contesto è quello del cinema giapponese di animazione di alto livello. Ispirandosi al manga di un maestro del genere, Osamu Tezuka, il film racconta una vicenda che si svolge in una gigantesca e futuristica città-stato in cui gli uomini si limitano a dominare robot e androidi ridotti in schiavitù e costretti a vivere nei livelli inferiori dal terribile Duca Red, che aspira al dominio totale. Costui ha fatto costruire una giovane androide che sfuggirà al suo controllo e lo ostacolerà con l’aiuto del piccolo Kenichi, giunto in città con lo zio investigatore che indaga su un misterioso scienziato. Potete non amare il Giappone e la sua animazione televisiva ma la genialità che innerva questo film va riconosciuta. A partire dalla complessità della trama per approdare alle scenografie più intricate e fantasiose che un film di animazione abbia mai osato. Per giungere a un finale dove non ci sono vincitori ma da cui la speranza non esce sconfitta.

Il castello errante di Howl

ilcastelloerrantedihow
Autore: Hayao Miyazaki
Genere: Fantasy, Avventura
Anno: 2004
Durata: 119 min
Visione consigliata: Per Tutti

Trama da mymovies.it

Il genio ha colpito ancora. Dopo più di vent’anni di carriera c’è veramente da togliersi il cappello davanti ad uomo, prima ancora che regista, capace come nessuno mai prima nel campo del cinema d’animazione (e non solo) di riuscire a centrare sempre e comunque l’obbiettivo che ogni cineasta dovrebbe avere come scopo unico: emozionare. E di emozioni, l’ultima opera di Hayao Miyazaki, ne offre veramente a bizzeffe. Howl’s Moving Castle, è un ulteriore tassello, nel mosaico che il regista giapponese sta componendo col passare degli anni che mescola l’attenzione alle tematiche ambientali, all’utilizzo malsano della tecnologia, che propone esseri umani calati in universi fantastici ed immaginari, dove creature soprannaturali insegnano all’uomo come vivere e quali valori seguire e difendere.

La città incantata

La-città-incantata
Autore: Hayao Miyazaki
Genere: Fantasy
Anno: 2001
Durata: 125 min
Visione consigliata: Per Tutti

Trama da mymovies.it

Vincitore dell ‘Orso d’oro a Berlino 2002 (ex aequo con Bloody Sunday), uno dei film più interessanti della cinematografia nipponica recente ha dovuto attendere la conquista dell’Oscar per il miglior film d’animazione per poter accedere ai nostri schermi. Meglio tardi che mai.
La decenne Chihiro cambia casa con la famiglia. Dopo aver attraversato un tunnel si trova in un mondo inaccessibile normalmente agli umani. E’ abitato da dei minori e da strani esseri. La bambina può rimanere solo se ubbidirà alla strega Yubaba e rinuncerà al proprio nome. Nel frattempo i suoi genitori sono stati trasformati in maiali e lei dovrà darsi da fare per salvarli.
Hayao Miyazaki è uno dei maestri dell’animazione. Akira Kurosawa diceva di lui: “Talvolta lo paragonano a me. Mi dispiace per lui perché lo abbassano di livello.” Questo film merita il giudizio dell’Imperatore del cinema giapponese sia per l’intreccio che per la qualità del disegno che mescola serialità e genio.

Una Tomba Per le Lucciole

Una-tomba-per-le-Lucciole
Autore: Isao Takahata
Genere: Drammatico, Storico
Anno: 1988
Durata: 93 min
Visione consigliata: Bambini con adulti

Trama da mymovies.it

A Kobe nel giugno 1945 mentre, come in altre grandi città industriali del Giappone, piovono le bombe incendiarie made in USA, il quattordicenne Seita e la sorellina Setsuke di quattro anni, figli di un ufficiale di marina, perdono la madre. Ospitati a casa degli zii in una cittadina vicina, se ne allontanano per rifugiarsi in una grotta dove, grazie all’intraprendenza di Seita, sopravvivono per qualche settimana. Dopo Hayao Miyazaki, I. Takahata (1935) è uno dei maggiori esponenti del cinema d’animazione giapponese. Fedelmente tratta dal romanzo omonimo di Akiyuki Nosaka, la sua sceneggiatura poteva essere la base di un film dal vivo che, però, avrebbe avuto un costo impossibile, anche per le difficoltà d’esportazione. È la guerra – quella guerra – raccontata dal punto di vista dell’infanzia che ne fu la principale e più innocente vittima insieme con la popolazione civile. Contenuti a parte, il suo valore è anzitutto stilistico, e non soltanto per la fusione di realistico e fiabesco, lirismo e crudezza, umorismo e strazio, luce ed ombra. Poetico come il suo titolo. Diverte e commuove. Fa ridere, sorridere e, alla fine, piangere: rispecchia la complessità e l’ambiguità della vita. Non c’è procedimento narrativo o tecnico-stilistico al quale Takahata non ricorra con una capacità mimetica quasi cocciuta. E non c’è pubblico, dai bambini agli adulti, al quale il film non si addica.

Cowboy Bebop: Il Film

(consigliato se avete già visto la Serie TV)
cowboy-bebop-the-movie
Autore: Yutaka Nanten
Genere: Fantascienza, Seinen, Noir
Anno:  2001
Durata: 110 min
Visione consigliata: VM14

Trama da wikipedia

Marte, 2071. Alla vigilia di Halloween, un gruppo di terroristi dirotta un camion sull’autostrada nei pressi di Alba City, facendo fuoriuscire un virus che uccide oltre 500 persone. Tale virus è stato realizzato su Marte, ed il governo ha stanziato 300 milioni di Woolongs per chiunque riesca a catturare l’uomo autore del micidiale progetto criminale, che si scoprirà poi essere Vincent Volaju, veterano del conflitto su Titano. La ciurma del Bebop decide di seguire il caso, ma il mistero dietro il virus è più complicato di quanto Spike e compagni credono, ed il pericolo che dovranno affrontare potrebbe rivelarsi davvero ingestibile.

Perfect Blue

Perfect-Blue
Autore: Satoshi Kon
Genere: Thriller
Anno:  1998
Durata: 81 min
Visione consigliata: VM14

Trama da wikipedia

Mima Kirigoe è una idol e popstar facente parte del gruppo delle CHAM, un terzetto formato da altre idol come lei che cantano un j-pop allegro e orecchiabile. Nonostante i numerosi fan, però, Mima è insoddisfatta della sua carriera e vorrebbe diventare un’attrice: infatti presto lascia il gruppo per lo sconforto dei fan (tra cui in particolare di uno stalker ossessionato da lei) e inizia a recitare in una serie drammatica.
Tuttavia alcuni fatti iniziano ad avvenire: Mima riceve delle minacce, tra cui un fax che l’accusa di essere una traditrice, e scopre l’esistenza di un sito internet chiamato Mima’s Room in cui qualcuno, con inquietante precisione, descrive le sue giornate nei minimi dettagli.

La carriera di attrice procede bene, fino al punto in cui le viene proposto di girare una scena di stupro. Ciò la sconvolge profondamente, al punto di renderla incapace di distinguere tra fantasia e realtà: in alcune occasioni ha delle allucinazioni in cui vede se stessa in tenuta da CHAM. La situazione peggiora ulteriormente quando alcune delle persone che avevano lavorato allo sceneggiato in cui lei recitava vengono ritrovate uccise brutalmente, e alcuni indizi fanno pensare che sia lei la colpevole. A causa del suo stato di instabilità mentale però lei non può confermare o smentire di aver commesso quei delitti, e per di più la presenza del misterioso stalker si fa sempre più inquietante.

Lascia un commento se vuoi