Home Varie Grassi vegetali, grassi animali: salute, usi e consumi

Grassi vegetali, grassi animali: salute, usi e consumi

89
1

Premessa, gli acidi grassi in natura sono di tre tipologie: saturi, monoinsaturi e polinsaturi (questi ultimi due sono detti anche insaturi). Un alto consumo di grassi saturi comporta un aumento della quantità di colesterolo “cattivo” nel sangue, fattore che scatena conseguenti malattie cardiache, sono quindi considerati in linea di massima negativi per la salute. Differente l’effetto dei grassi monoinsaturi che, consumati a dosi moderate, aumentano i valori del colesterolo buono HDL (High Density Lipoprotein – Lipoproteine ad alta densità). Gli acidi grassi polinsaturi sono soprattutto omega 3 e omega 6. Gli omega-3 hanno un’attività principalmente antiaterosclerotica, antinfiammatoria, antitrombotica, migliorano alcune funzionalità cerebrali.

I grassi vegetali. Fanno sempre bene?

Siamo abituati a sentirci dire dai media, e spesso anche dal medico curante, che i grassi vegetali sono da preferirsi a quelli di origine animale. Sappiamo che si tratta di grassi (lipìdi) derivati da piante, questi grassi sono costituiti principalmente da triglicèridi. Nell’alimentazione, i più importanti tipi di grassi vegetali sono: gli Oli [oliva, semi di girasole, semi di mais, palma (oggi è l’olio con la maggiore percentuale di produzione al mondo), soia, cocco, Argan (detto “l’oro liquido”, più che in cucina è famoso per i suoi benefici in cosmesi), arachidi,…] e la margarina (anche se può contenere piccole percetuali di grassi animali).

L’olio di lino, l’olio di mais, l’olio di soia e l’olio di girasole hanno un alto contenuto di acidi grassi polinsaturi omega-6 che assunto in dosi piccole/moderate è un buon alleato contro l’ipercolesterolemia, infatti riduce i livelli del colesterolo “cattivo” LDL (Low Density Lpoprotein – Lipoproteine a bassa densità), ma in alte dosi (consumo quotidiano), in base a recenti studi scientifici, aumenta il rischio del cancro al seno e alla prostata. L’olio di palma e l’olio di cocco, a causa del loro alto contenuto di acidi grassi saturi, a seguito di ricerche si è dimostrato che hanno un effetto negativo sul colesterolo e aumentano i fattori di rischio di patologie cardiovascolari.

La margarina è un alimento creato attraverso un procedimento artificiale. Prodotta per idrogenazione, un processo chimico che trasforma gli acidi grassi polinsaturi in grassi trans (dannosi per la salute perché incentivano patologie cardiovascolari), questo al fine di rendere un prodotto con una maggiore solidità e allungarne i tempi di conservazione.

I grassi animali. Fanno sempre male?

Come dice il nome, si tratta di grassi di origine animale. Li conosciamo con le etichette di burro (si ricava dagli acidi grassi del latte), sugna (si ricava dal tessuto adiposo surrenale del maiale), strutto (si ricava da tutto il tessuto adiposo del maiale), il lardo, la pancetta e l’olio di pesce. L’alta componente di grassi saturi che accomuna i grassi animali ne fa dei prodotti il cui uso abbondante è altamente sconsigliato per la salute, questo perché, oltre ad accumularsi come tessuto adiposo (obesità e suoi danni) tendono a depositarsi sulle pareti dei vasi sanguigni ostruendoli e scatenando diverse patologie che sono accennate di seguito.

A parte i grassi animali per eccellenza che abbiamo nominato, va ricordato che in tutti gli alimenti di origine animale è sempre presente una certa quantità di grasso: mettiamo le carni rosse soprattutto, i salumi, le uova, il latte e latticini, i formaggi, eccetera. Chi fa uso eccessivo di grassi animali è più predisposto a varie patologie cardiovascolari piuttosto gravi: ischemia, angina pectoris, infarto del miocardico, ipercolesterolemia, arteriosclerosi, ictus.

Differente il caso del grasso derivato dal pesce e dalle carni bianche. L’olio di pesce (merluzzo, trote, alici, salmone, sgombro, tonno, sardina) è un’ottima fonte di omega-3, le carni bianche hanno un contenuto decisamente minore di grassi se paragonate a quelle rosse.

1
Lascia un commento se vuoi

1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
più nuovi più vecchi più votati

[…] Fonte: Grassi vegetali, grassi animali: salute, usi e consumi […]